Ancora più burocrazia

Con la scusante del Covid…

Ancora più burocrazia

S.C. 23-12-2020 12:00

Forti del timore del contatto personale, le pubbliche amministrazioni hanno ridotto la loro efficienza e funzionalità, prima chiudendo e poi limitando di molto gli orari per il pubblico. Con l’intento di alleviare il disagio dovuto al disservizio si è pensato di incentivare l’informatizzazione delle procedure amministrative ottenendo il risultato di allungare i tempi e rendere più complesse le procedure. A solo titolo di esempio posso dire che, nel campo edilizio, la consegna in comune di un verbale di collaudo statico che prima si poteva fare consegnando all’ufficio di competenza il documento cartaceo firmato in originale e riportare in studio una copia con il suo timbro di accettazione, è ora diventata un’impresa che ne ha triplicato almeno i tempi. 

Più precisamente del collaudo e di tutti gli allegati va realizzato un file particolare che deve essere firmato digitalmente il che significa che tutti gli estensori dei documenti allegati devono comprarsi il proprio dispositivo per poterlo fare. Il tutto va poi inviato al rappresentante legale dell’impresa che penserà a trasmettere tutto agli uffici amministrativi senza dimenticarsi di pagare le relative tasse che hanno pensato di aggiungere. Recuperato l’apposito file di ricevuta questo va poi ritrasmesso a tutti i vari attori che hanno contribuito all’estensione del documento. In due parole la durata della consegna della pratica ha almeno triplicato il tempo necessario per il suo svolgimento.  

...

L’articolo intero è su L’Eco di questa settimana, acquistalo in edicola!