La riduzione dei parlamentari

Referendum / Domenica al voto

La riduzione dei parlamentari

Redazione 15-09-2020 12:00

Il referendum costituzionale ha come oggetto la riduzione del numero dei parlamentari. Chi voterà per il “Si” si dichiarerà favorevole alla riduzione dei deputati, da 630 a 400, e dei senatori, da 315 a 200.

I seggi saranno aperti domenica 20 settembre dalle 7 alle 23 e lunedì 21 dalle 7 alle 15; oltre al documento e alla tessera elettorale, bisognerà presentarsi al seggio indossando la mascherina.

I promotori del “No” sostengono che la riduzione dei parlamentari diminuisce la rappresentanza dei cittadini. I fautori del “Si” mettono in evidenza il risparmio economico e una maggiore funzionalità del Parlamento (con meno deputati e senatori, si riduce il numero di interventi in aula).

Come giornale non diamo indicazioni per il voto, ma ci dichiariamo favorevoli al ritorno del voto con le preferenze e un ripristino del sistema proporzionale “puro” con sbarramento al 5% per evitare la pletora di partitini e l’eccessivo frazionamento dei consensi nonché l’ingovernabilità del Paese.