Da comune sconosciuto a cittadina europea

Fragagnano primeggia nella differenziata e non solo… con la giunta Fischetti

Da comune sconosciuto a cittadina europea

Ubaldo Bungaro 30-06-2020 12:00

Fragagnano, una tranquilla cittadina pugliese di 5133 abitanti, immersa nelle campagne ricche di vigneti di primitivo, di oliveti secolari: “Terra del Mare e del Sole”, fino a pochi anni fa era sconosciuta al resto d'Italia.

Oggi, grazie a personaggi come il giovane sindaco Giuseppe Fischetti (laurea in economia aziendale), la vice sindaca Lucia Traetta (assessora all’Istruzione, Cultura, Spettacolo e Rapporti con le Associazioni) e agli assessori: Serena Bisanti (Politiche Sociali - Pari Opportunità) Sonia Tinelli (Sport - Politiche Giovanili - Turismo), Massimiliano Cannarile (Attività Produttive) è diventata una cittadina d’Europa che vive momenti straordinari in tutti i settori amministrativi.

Fragagnano primeggia nella raccolta differenziata con oltre l’83%. “Recentemente – afferma il Sindaco – l’Amministrazione ha ricevuto il premio regionale “Comune Riciclone”, risultando al primo posto su 24 premiati, grazie ai cittadini che hanno messo tutto il proprio impegno per il raggiungimento di questo obiettivo”. Ma non solo differenziata; a Fragagnano il coronavirus è rimasto fuori dalle mura cittadine con ZERO contagi. Eletta il 5 giugno 2016, in questi quattro anni, la giunta Fischetti ha fatto grandi investimenti, paragonabili a 30 anni di attività amministrativa; anni in cui non ho mai visto nessun cambiamento. Anzi il più delle volte solo degrado. Alla vigila delle prossime amministrative del 2021, il primo cittadino fa il punto della situazione, elencando le grandi opere in cantiere in questi quattro anni: “Abbiamo avviato - precisa il Sindaco - molti interventi, alcuni già realizzati. Tra le iniziative più importanti: l’avvio della raccolta differenziata porta a porta. Abbiamo ridotto l’indennità di carica degli amministratori, che incide sul bilancio comunale per circa 100 mila euro in 5 anni. Per quanto riguarda i lavori pubblici, il sindaco precisa: “Abbiamo ottenuto finanziamenti a fondo perduto di circa 10 milioni di euro. Di grande rilevanza, la realizzazione del tronco di fognatura bianca che risolve definitivamente il problema degli allagamenti presso la zona 167. Ed ancora, i lavori al piazzale Toniolo con il rifacimetoto della pavimentazione e alberi; nuove panchine e pubblica illuminazione (con fondi comunali per 110 mila euro). Ci sono disponibili 250 mila euro a fondo, perduto per il rifacimento di pavimentazione a chianche o basolato di Corso Vittorio Emanuele; dalla chiesa madre alla villa comunale . Per la tecnologia ci sono 15mila euro finanziati dalla comunità europea per una rete wifi in piazza Regina Elena e sul piazzale Toniolo. Diversi gli interventi di ripristino: il manto stradale delle zone più compromesse, per circa 150 mia euro. Sarà inaugurato il nuovo centro disabili, il cui progetto sarà realizzato nel giardino del, palazzo marchesale. Continua, inoltre, la riduzione del 22% della Tari, rimasta immutata da 4 anni-ha spiegato Fischetti-.

Oggi, grazie alla lungimiranza e alla tenacia del giovane sindaco e della sua giunta, le nuove generazioni trovano una piccola Oasi e una città che annovera personaggi illustri, come il giovane scienziato della medicina, Giuseppe Bungaro (insignito dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella con il prestigioso titolo. “Arfiere della Repubblica”, per aver progettato uno stent pericardico capace di ridurre i rischi post operatori dei pazienti sottoposti ad angioplastica). C’è poi il nuovo talento: John Traetta, autore della scultura a Quinto Cassio Longino, il soldato romano che, secondo la tradizione cristiana, trafisse con la propria lancia il costato di Gesù crocifisso, per accertare che fosse morto come riporta il vangelo secondo Giovanni. Un altro personaggio che ha dato lustro alla cittadina pugliese con i sui sette titoli mondiali di Arti marziali di Kick Boxing, cintura nera, porta il nome di Simone Bungaro (oggi sedicenne) vincitore del primo titolo mondiale a soli 12 anni. Oggi, Il mio nipotino è diventato grande ed è ancora più forte di prima, grazie anche al Maestro Mimmo De Luca.