L’Ue vuole il Canale navigabile Cremona-Po

Dopo decenni di oblio, il sogno di portare le vie d’acqua fino a Milano potrebbe diventare realtà

L’Ue vuole il Canale navigabile Cremona-Po

Roberto Fronzuti 14-02-2018 12:00

Sono trascorsi 115 anni dal varo del primo progetto del Canale navigabile Milano-Cremona-Po: un dato storico che dimostra la capacità di programmare  grandi opere. Dopo decenni di oblio, il sogno di portare le vie d’acqua fino a Milano e, costruire il porto, diventa realistico. Il merito di aver riproposto la realizzazione di questa importante idrovia è da ascriversi all’Unione Europea che ha finanziato con 9.282.800 euro il progetto e all’Aipo (Agenzia interregionale fiume Po, l’organismo che nel 2000 ha sostituito il disciolto consorzio) che l’ha realizzato. L’Ue l’ha inserito fra gli interventi prioritari, il contributo per la realizzazione dell’autostrada d’acqua che l’infrastruttura può dare alla lotta all’inquinamento in Valpadana.

L’articolo intero è sull’Eco di questa settima, acquistalo in edicola!