Caccia al gambero killer...

OPERA / Grande partecipazione di giovani armati di canna ed esche

Caccia al gambero killer...

Ubaldo Bungaro 26-07-2017 12:00

Grande partecipazione di giovani, armati di canna ed esche per la caccia al gambero killer, si sono presentati all’appuntamento nelle rogge attorno alla città: in poche ore sono stati catturati circa tremila esemplari. La tradizionale pesca al gambero killer è stata organizzata dal Comune: una occasione che ha visto la presenza di molti ragazzini. Da anni il gambero della Louisiana, noto come gambero killer per la sua capacità predatoria, distrugge ogni habitat e ha praticamente fatto sparire i gamberi autoctoni delle nostre rogge. Quella di quest’anno è stata la quinta edizione di questa particolare competizione di pesca aperta a grandi e piccini che con canne ed esche esclusivamente artigianali, avevano il compito di pescare nella roggia che costeggia la pista ciclabile Zerbo-Noverasco, il terribile gambero che infesta i canali del Sud Milano. “È un momento ludico e allo stesso tempo educativo - ha detto il sindaco Ettore Fusco - bambini e genitori trascorrono una giornata insieme e, allo stesso tempo, imparano a conoscere la biodiversità del proprio territorio. Diciamo che è una lezione di scienza naturale divertente e diversa dal solito”. “È diventato un appuntamento fisso al quale non si può mancare, ha spiegato Stefania Bellè, la mamma del piccolo Alessandro, il campione in carica. L’iniziativa ha ottenuto diversi risultati. Oltre che a far divertire i partecipanti, ha contribuito a migliorare l’ambiente. I gamberi sono commestibili e quindi, visto la ricchezza assicurata del pescato, si preannunciano ottime spaghettate. In questa battuta di pesca, il vincitore che ha catturato più di 80 gamberi in poco più di un ora è stato Alessandro Bellè, già campione in carica, che per partecipare all’iniziativa ha rimandato la partenza per il mare, lasciando partire il papà e la sorella maggiore.