Le vecchie tradizioni de ‘L’antica Festa’

OPERA / Grande successo per la manifestazione cittadina con bancarelle, musica e divertimenti

Le vecchie tradizioni de ‘L’antica Festa’

Alla tradizionale gara delle torte hanno partecipato pasticceri, professionisti e dilettanti

Ubaldo Bungaro 26-07-2017 12:00

La torta più buona sarà, per un anno, il simbolo della tradizione nelle pasticcerie del territorio. L’Antica Festa, la manifestazione che ha riportato in auge le vecchie tradizioni di Opera e della sua gente, è giunta alla sua quinta edizione. Tra bancarelle, musica, divertimenti e torte, l’Antica Festa è stata capace di regalare, anche quest’anno, un tuffo nel passato. In via Dante, nell’area laterale alla nuova scuola elementare, si è svolta la gara di torte, momento clou della kermesse e ha visto ambulanti e hobbisti riempire e colorare le vie centrali del paese. Pasticceri per professione e per diletto si sono contesi la gara a suon di prelibatezze. Difficile il compito della giuria, composta dal sindaco Ettore Fusco, l’assessore al Commercio, sport e tempo libero Pino Pozzoli e dall’esperto designato, di decretare i vincitori tra le tante torte che sono arrivate nel primo pomeriggio al punto di raccolta. “Tutte le torte erano buonissime - ha detto il sindaco - e quest’anno, con un accordo stretto con le pasticcerie di Opera, la torta che si è aggiudicata lo scettro nella sezione pasticceri per diletto sarà realizzata e venduta nelle pasticcerie del territorio come torta di Opera, per un anno, ma con il nome scelto da chi l’ha confezionata che spiegherà ed illustrerà ai nostri pasticceri come realizzarla”. Per quanto riguarda la categoria “Professionisti”, che ricomprende le pasticcerie ma anche i cake design, ha vinto la Pasticceria Veggetti con “Fior di Loto”. Secondo “The minion Island” della Pasticceria Enea e terzo “Peccato di Gola” del Punto Simply. Tra le tantissime torte in gara nella categoria “pasticceri per diletto”, la vittoria è andata a Iris Nonnato che, insieme a nonna Antonietta ha realizzato Delizia al Pistacchio. Al secondo posto, aiutato dalla moglie, la torta Arlecchino di Alfonso Confalonieri ed al terzo la torta “cioccolato e pere” di Lorena De Luca per il corpo dei volontari di Protezione Civile. Un attestato con medaglia è andata al pasticcere più giovane, con una torta in gara realizzata unicamente da lui, per la seconda volta assegnato a Lorenzo Fusco di 10 anni. Così, a cinque anni di distanza dalla sua rievocazione, la festa è diventata uno degli appuntamenti di luglio attesi da grandi e piccini per animare l’estate cittadina.