Ospedale: investimento da 1,4 milioni di euro

MELEGNANO / L’impegno della Regione testimonia il grande ruolo attribuito al nosocomio di Vizzolo

Ospedale: investimento da 1,4 milioni di euro

I nuovi spazi consentiranno la collaborazione tra le varie professionalità coinvolte

Gianluca Stroppa 26-07-2017 12:00

“Questa nuova sede del laboratorio, frutto di un investimento regionale di 1,4 milioni di euro, testimonia il grande ruolo che Regione Lombardia attribuisce all’ospedale di Vizzolo. I nuovi spazi consentiranno la collaborazione tra le varie professionalità coinvolte, una migliore erogazione del servizio, facilitando il percorso diagnostico-terapeutico, e di aumentare l’attrattività di un presidio, già punto di riferimento per i casi acuti per tutto il territorio dell’Asst Melegnano-Martesana”. Lo ha detto l’assessore al Welfare Giulio Gallera nel corso dell’inaugurazione, insieme con il direttore dell’Asst Melegnano, Mario Alparone, della nuova sede del laboratorio dell’ospedale di Vizzolo Predabissi. “Il trasferimento del laboratorio al 5° piano - ha aggiunto Gallera - consentirà al personale che opera nel reparto di essere nelle condizioni per poter esprimere al meglio le proprie potenzialità e professionalità”. “Il nuovo laboratorio - ha commentato Alparone - testimonia il continuo impegno di Regione Lombardia in termini di investimenti messi a disposizione e la capacità della nostra azienda di realizzarli nei tempi previsti e di metterli a disposizione della comunità e dei pazienti. Ringrazio lo spirito di sacrificio dimostrato dai sanitari e dalle strutture tecniche che hanno consentito il trasferimento in condizioni di sicurezza ed in tempi rapidi”. Il laboratorio offre oltre 2,6 milioni di prestazioni esterne all’anno, di cui circa mezzo milione in urgenza/emergenza, da effettuare entro mezz’ora, che raggiungono i 4 milioni se si sommano a quelle effettuate per i pazienti ricoverati. I lavori per la realizzazione dei nuovi locali del laboratorio erano partiti ad agosto dell’anno scorso. Attraverso il 7° atto integrativo che prevede uno stanziamento di oltre 27,5 milioni, attualmente in fase di gara di progettazione, sarà completata la ristrutturazione del presidio con il totale rifacimento anche delle degenze.