I grillini si mobilitano per l’incrocio killer

PESCHIERA / Si cominciano a raccogliere i frutti di denunce fatte da più di un anno

I grillini si mobilitano per l’incrocio killer

Gianluca Stroppa 26-07-2017 12:00

A quasi un anno di distanza (era il 21 settembre 2016) dall’invio all’Amministrazione comunale di una mozione riguardante la messa in sicurezza dell’incrocio via Monti/via 2 Giugno (di fronte al Pertini e all’oratorio di Bettola), il Movimento 5 Stelle comincia a raccogliere qualche frutto della propria denuncia. I pentastellati hanno chiesto, nel caso specifico (si tratta del punto in cui perse la vita il giovane Andrea De Nardo sei anni fa), l’installazione di dispositivi o mezzi tecnici di controllo del traffico, in grado di monitorare costantemente la viabilità. Sulla pericolosità della strada in questione nessuno nutre dei dubbi, tanto sono frequenti gli sforamenti del limite dei 50 km/h. E trattasi per lo più di un punto estremamente delicato sotto il profilo viabilistico ed urbanistico per via della presenza dell’oratorio, della chiesa, di un’area verde e del centro “Pertini”. “Finalmente negli ultimi giorni - sottolinea il capogruppo grillino in consiglio, Davide Toselli - abbiamo potuto constatare che alcune migliorie sono state effettuate: sono state installate nuove luci led per implementare l’illuminazione mentre la segnaletica orizzontale è stata migliorata con alcuni dispositivi a lato strada per garantire maggiore visibilità e sonorità del bordo corsia. Siamo consapevoli del fatto che si tratta solo di un piccolo passo ma in ogni caso siamo contenti di aver visto i frutti del nostro lavoro, sebbene l’Amministrazione si sia posta in maniera un po’ rigida”.