Intervista ad Angelo Valentino fondatore di Grande Nord

Gestione e cura del territorio in modo autonomo e salvaguardia delle piccole imprese tra i punti del partito nato un anno fa

Intervista ad Angelo Valentino fondatore di Grande Nord

Cristina Fabris 11-04-2018 12:00

Angelo Valentino, appassionato d’auto ed imprenditore di successo nel settore, vive e lavora da sempre nel Municipio 4.

Appassionato sin da giovane di politica, pur non “essendo mai stato con le mani in mano”, ha deciso di mettersi in gioco e ha fondato “Grande Nord” insieme ad ex aderenti al Carroccio - tra cui Roberto Bernardelli che è diventato Presidente del nuovo partito - dal quale dicono di essere stati traditi, e hanno rimesso il Nord anche nel simbolo del partito che non è “né di destra né di sinistra.” 

Grande Nord, che ha fatto il suo esordio alle elezioni del 4 marzo, nasce dalla rottura politica fra Bossi e Salvini e si discosta dall’idea di un partito nazionale promossa dal segretario della Lega. 

Oggi Angelo è il coordinatore provinciale del partito per l’area milanese ed è soprattutto del nostro territorio che abbiamo parlato con lui.


•  Angelo, cominciamo con la domanda meno difficile: come mai ti sei messo in gioco?

Abbiamo fondato un partito e mi sono candidato in Regione perché sono e siamo stufi di subire decisioni imposte dall’alto. Voglio essere al servizio dei cittadini, rappresentare i bisogni reali che troppo spesso vengono ignorati se non addirittura, ed è anche peggio, nemmeno visti e colti.

L’articolo intero è sull’Eco di questa settimana, acquistalo in edicola!